Menu

 

A+ A A-

Trib. di Roma, sentenza del 20.06.2017, n. 5964 - A. Z. (avv. Michelangelo Salvagni) c. T. I. S.p.A. (avv.ti Prof. Arturo Maresca, Enzo Morrico, Prof. Roberto Romei e Franco Raimondo Boccia)

dovere di adibizione a mansioni riconducibili a livello di appartenenza – demansionamento – dequalificazione – risarcimento del danno professionale – risarcimento del danno morale – quantificazione del danno

(a cura del Dott. Giuseppe Pascale)

Il Tribunale di Roma, con sentenza del 20 giugno 2017, ha condannato la Telecom Italia S.p.A. a risarcire una lavoratrice per una somma pari a 64.000 euro, ordinando inoltre alla società di adibire la dipendente a mansioni riconducibili al livello V di appartenenza.

La ricorrente, infatti, inquadrata contrattualmente al V livello del CCNL Telecomunicazioni, aveva iniziato un contenzioso contro il datore di lavoro volto ad ottenere l’accertamento della illegittimità della dequalificazione professionale subita per aver svolto mansioni inferiori dalla fine del 2012 in poi. La lavoratrice, infatti, era stata adibita al settore DAC, ex CSA, settore divenuto noto per i numerosissimi contenziosi del lavoro che lo hanno interessato negli ultimi anni, tanto da essere stato definito dalla giurisprudenza “reparto ghetto”. Nell'ambito di tale settore la ricorrente aveva richiesto il riconoscimento dei danni patiti dalla suddetta dequalificazione e, conseguentemente, di ordinare alla società l'adibizione a mansioni riconducibili al livello inquadramentale di appartenenza.

Il giudice, valutate le testimonianze e le prove documentali prodotte in giudizio dalla dipendente, ha accertato che le attività svolte dalla medesima erano tipiche del III o, al massimo, del IV livello del CCNL, accertando quindi una grave dequalificazione professionale per un periodo di oltre quattro anni e mezzo.

Il giudice, in particolare, ha riconosciuto, da una parte, l’esistenza di un danno professionale per “L'impossibilità di continuare ad utilizzare ed implementare il proprio patrimonio di conoscenze professionali acquisito… per essere stata adibita ad attività che non comportavano l’esercizio di conoscenze specialistiche di elevata tecnicalità, e che dovevano essere espletate secondo procedure automatizzate e standardizzate, senza richiedere pertanto l’esplicazione di alcuna autonomia e iniziativa…”, dall'altra, la sussistenza di un danno morale poiché “Dalla mancata adibizione della ricorrente a mansioni proprie della qualifica può ritenersi derivata, oltre che il predetto depauperamento professionale, anche una lesione alla propria personalità e dignità…essendogli stato impedito lo svolgimento di un’attività lavorativa confacente alla propria professionalità, capacità e attitudini, in violazione di altro bene costituzionalmente rilevante quale il diritto del lavoro.

In merito alla rilevante entità del danno in favore della lavoratrice, deve evidenziarsi come il Tribunale di Roma abbia considerato da un lato, il danno materiale alla professionalità quantificato, in ragione della gravità e del suo protrarsi per circa cinque anni, nel 35% della retribuzione mensile della dipendente per tutti i mesi oggetto di dequalificazione, per una somma complessiva di 44.000 euro; dall'altro, il danno morale quantificato in via equitativa in 20.000 euro.

La dequalificazione professionale, che sia di un livello, di due o, come è stato accertato in  numerosi contenziosi del lavoro, addirittura di tre livelli, è punita con severità dal nostro ordinamento; tale condotta genera non soltanto un inadempimento contrattuale (consistente nella mancanza di adibizione del lavoratore a mansioni proprie del livello di appartenenza), ma comporta anche un danno professionale e un danno all'integrità psicofisica e morale.

Attachments:
Download this file (Sentenza Zaccarini-Telecom ANF.pdf)Trib. Roma Sent. n. 5964/2017[ ]351 kB

ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE Sede di Roma Tribunale Civile Via Damiata 2 P.T. St. 34  Tel. 06.32.44.513 anfroma@teletu.it   Facebook